May 21, 2018 Last Updated 5:51 PM, Mar 22, 2018
Interrogazioni

Interrogazioni (315)

treno

Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Per sapere - premesso che:

la linea ferroviaria Pescara-Roma si è crescentemente distinta negli anni per disservizi, obsolescenza del materiale rotabile e lentezze di percorrenza nonostante sia necessaria una migliore offerta del servizio per un alto numero di pendolari, soprattutto da Sulmona Val Pescara verso Pescara e da Avezzano e Marsica verso Roma;

dal 16 luglio per circa 50 giorni la linea ferroviaria è stata sospesa , in piena stagione turistica, per effettuare lavori lungo la linea;

nella giornata del 4 settembre, alla riapertura della linea, si è immediatamente verificato un ritardo di oltre un’ora per il treno 3225 con conseguenti dissgi e danni per i viaggiatori-:

quali azioni intenda intraprendere per verificare la corretta realizzazione dei lavori svolti nonché garantire un funzionamento pieno , con tempi di percorrenza ridotti, della linea ferroviaria Pescara-Roma tutelando i diritti dei pendolari vessati da decenni di disservizi.

Gianni Melilla Deputato Articolo UNO - Movimento Democratico e Progressista

rifugio franchetti

Interrogazione a risposta scritta Al Ministro dell'Ambiente Per sapere - premesso che:

Il Rifugio Franchetti, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso, tra il Corno Grande e il Corno Piccolo, ha chiuso per problemi burocratici legati alla licenza di esercizio in corso di rinnovo, che in molti Comuni si ottiene in tempo reale e on-line. Per timori di sanzioni il gestore del rifugio Franchetti, di proprietà del CAI di Roma, è stato costretto a chiudere il Rifugio in attesa della risposta alla sua domanda della suddetta licenza di esercizio la cui richiesta è stata inoltrata ben 6 mesi fa;

il rifugio Franchetti è uno snodo fondamentale di tutti gli itinerari escursionistici e alpinistici del Gran Sasso, la sua chiusura pone anche seri problemi di sicurezza per le migliaia di persone che frequentano le vette più importanti e alte della catena dell'Appennino;

si tratta di un danno enorme per il turismo escursionistico nel Parco Nazionale d'Abruzzo ed anche economico e di immagine in considerazione che da luglio sono in corso i lavori di sistemazione delle tante bellissime ferrate del Gran Sasso (da Danesi a Ventricini, da Brizio al sentiero per il bivacco Bafile e a Ricci), e di rinnovo delle segnavie e dei sentieri di alta quota per importi di tanti milioni di euro-:

quali iniziative urgenti intenda assumere per superare questi ritardi burocratici e risolvere un problema così importante per il futuro del Parco Nazionale del Gran Sasso- Monti della Laga.

Gianni Melilla, Deputato Articolo UNO - Movimento Democratico e Progressista

hatria

— Al Ministro dello Sviluppo Economico. — Per sapere – premesso che: la Hatria s.r.l. è un azienda specializzata nella produzione di sanitari in ceramica, sita in Sant'Atto frazione di Teramo, che occupa 181 lavoratori; la Hatria s.r.l. rappresenta una fonte importante di lavoro per il territorio del teramano colpito, oltre che dalla forte crisi economica, da forti calamità naturali nel 2016 tra cui il terremoto che ha interessato il centro Italia; nel mesi di aprile 2017 la Hatria s.r.l. ha stipulato un accordo commerciale di durata triennale per la fornitura di sanitari alla multinazionale tedesca Grohe, tra i leader mondiali nella produzione di sanitari, accordo che prevedeva investimenti per l'avvio di nuove produzioni ; il 4 agosto l'azienda ha comunicato unilateralmente l'intenzione di voler procedere al licenziamento di 55 dipendenti, porre fine alla cassa integrazione e disdire il contratto integrativo–: se non intenda convocare urgentemente un tavolo di confronto tra la Hatria s.r.l. e le rappresentanze sindacali, con la partecipazione della Regione Abruzzo, al fine di garantire i livelli occupazionali e definire un progetto di rilancio industriale, e scongiurare così i licenziamenti collettivi che avrebbero un effetto disastroso per l'intero territorio del teramano.

INPS 300x200

— Al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. — Per sapere – premesso che: la sede Inps di Penne (PE) opera sul territorio dal 1993, servendo utilmente gli utenti dell'area vestina tra cui spesso, per natura stessa dell'Inps, alcune tra le fasce più deboli della società; che nel marzo 2016 l'allora Sindaco del Comune di Penne Rocco D'Alfonso e il direttore dell'Inps Abruzzo Roberto Bafundi sottoscrissero una convenzione affinché l'Agenzia Inps di Penne potesse usufruire di alcuni locali di proprietà del Comune onde garantire la permanenza e gli standard funzionali dell'Agenzia; non vi sarebbe da parte dell'attuale Amministrazione Comunale di Penne la volontà di dare continuità alla suddetta convenzione, e vi sarebbe un rischio di riduzione del personale occupato presso l'Agenzia; un eventuale declassificazione dell'Agenzia Inps di Penne a “Sportello Inps” comporterebbe una drastica riduzione dei servizi offerti arrecando una forte disfunzionalità a tutta la popolazione dell'area vestina altrimenti costretta a recarsi presso altre Agenzie distanti e difficilmente raggiungibili per tutti; l'area Vestina è una zona interna abruzzese colpita da una grave crisi economica e industriale, dal terremoto e dalla riduzione di importanti servizi pubblici–: se non intenda intervenire per garantire la conferma della sede INPS di Penne e l'erogazione dei suoi servizi all'area vestina. Gianni Melilla, deputato MDP Articolo uno

Interrogazione a risposta scritta
Al Ministro del Lavoro
Per sapere-premesso che:
Nel Call Center di Sulmona ( AQ) la Proprietà ha deciso 91 licenziamenti a seguito di una complessa e intricata vertenza sindacale e giudiziaria.
L'Autorita giudiziaria ha recentemente deciso l'illegittimità di 55 licenziamenti e l'Azienda dichiara di non poter ottemperare ai risarcimenti o al reintegro e annuncia ulteriori massicci licenziamenti.

Interrogazione a risposta in Aula
Al Ministro dell'Ambiente
Per sapere-premesso che:
Il Ministro dell'Ambiente, in risposta ad una mia interrogazione sui ritardi nella istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina, ha sostenuto di avere provveduto nel mese di marzo del 2016 ad inoltrare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri tutta la documentazione inviata dal Presidente della Regione Abruzzo concernente le "determinazioni riferite alla perimetrazione di competenza e connesse norme di salvaguardia" del suddetto Parco Nazionale;

Al Ministro dell’Interno. — Per sapere – premesso che:

giovedì 18 maggio 2018 sul lungomare di Pescara un ragazzo è stato insultato, inseguito ed intimorito per il suo orientamento sessuale, come appreso dalle pagine del quotidiano Il Centro del 22 maggio 2017;

Il Governo con un decreto vuole permettere le trivellazioni in mare, anche entro le 12 miglia, per le società già concessionarie.
Di seguito la mia interrogazione.

 

Interrogazione a risposta in Aula Al Presidente del Consiglio dei Ministri.

Per sapere-premesso che: Il Governo ha chiesto ai familiari delle vittime del terremoto de L'Aquila la restituzione

Interrogazione a risposta scritta
Al Ministro del Lavoro

Per sapere-premesso che:
Alla Magneti Marelli di Sulmona ( L'Aquila) è stato licenziato un caporeparto con una anzianità di lavoro di 30 anni;